Torna alla Home page del Progetto CNS Home page del Progetto CNS
Home > Il Progetto CNS
Amministrazione

 
Il Progetto CNS
 
La Carta Nazionale dei Servizi (CNS) è un documento informatico, rilasciato da una Pubblica Amministrazione, con la finalità di identificare in rete il titolare della carta. Utilizza una carta a microprocessore (smart card) in grado di registrare in modo protetto le informazioni necessarie per l’autenticazione in rete.

La CNS non è un documento di riconoscimento “a vista” come la Carta di Identità elettronica (CIE) perché non contiene la foto del titolare e non richiede particolari caratteristiche e requisiti per il supporto grafico. Grazie comunque al microchip e al software, identici a quelli della CIE, dà accesso agli stessi servizi e consente modalità più flessibili e veloci di produzione e diffusione, anche attraverso canali di distribuzione alternativi rispetto a quelli istituzionali della CIE.

La distribuzione della Carta Nazionale dei Servizi va, quindi, in parallelo con il piano di rinnovo delle carte di identità. La completa corrispondenza informatica tra CNS e CIE assicurerà la continuità dei servizi al cittadino nel passaggio dalla Carta Nazionale dei Servizi alla Carta di Identità Elettronica.
Accanto al certificato di autenticazione del titolare, la CNS potrà ospitare anche il certificato di firma digitale ed informazioni sanitarie.

La diffusione
Tutte le amministrazioni potranno emettere la CNS purchè si attengano alle regole di produzione e sicurezza indicate dal decreto interministeriale siglato il 9 dicembre 2004 sulle regole tecniche e di sicurezza per l'emissione e l'utilizzo della CNS.
L’Ente emettitore dovrà individuare i servizi da rendere disponibili in rete mediante CNS e, stipulando accordi con le Regioni, potrà stabilire la predisposizione di carte con funzioni di tessera sanitaria per collegare i cittadini con le strutture sanitarie in rete e accedere ai servizi offerti sul territorio.

Ogni CNS contiene i dati identificativi della persona e il codice fiscale, il certificato di autenticazione che, in combinazione con il PIN fornito dall’Ente emettitore consente l’autenticazione in rete, e può contenere anche il certificato di firma digitale. La CNS potrà essere utilizzata anche per i pagamenti online alla P.A. utilizzando il software reso disponibile da banche e poste.

Regole tecniche e di sicurezza
Con decreto interministeriale siglato il 9 dicembre 2004 dal Ministro dell’interno, dal Ministro per l’Innovazione e le Tecnologie e dal Ministro dell’Eeconomia e delle Finanze, sono sancite le “Regole tecniche e di sicurezza per l'emissione e l’utilizzo della CNS.

Le amministrazioni, nella fase di produzione ed emissione delle carte del servizi, dovranno attenersi alle norme individuate dal CNIPA - Centro Nazionale per l'Informatica nella Pubblica Amministrazione. relative alla struttura del certificato di autenticazione in rete, le regole per l’interoperabilità con la CIE e agli standard internazionali previsti per le smart card (serie ISO/IEC 7816).

Con il bando di gara pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 26 maggio 2005 il CNIPA avvia il processo che porterà alla stipula del contratto quadro di fornitura alle pubbliche amministrazioni di smart card conformi allo standard CNS.

 

 
Valid XHTML 1.0! Valid CSS!